Teatro Cavallerizza
domenica 29 settembre 2019, ore 18.00

Christos Papadopoulos

Ion - prima italiana

ideazione e coreografia Christos Papadopoulos
drammaturgia Tassos Koukoutas
musica Coti K
luci Tasos Palaioroutas
costumi Angelos Mentis
set design Evangelia Therianou
produzione Onassis Stegi - con il sostegno di The Fondation d’entreprise Hermès - nell’ambito del New Settings programme - coproduzione Théâtre de la Ville-Paris, Le Lieu Unique-Scène nationale de Nantes - in collaborazione con Dublin Dance Festival - touring partner Onassis Stegi
 
Christos Papadopoulos, la nuova stella nascente della coreografia in Europa, si interroga sulla natura umana. Ioni, come la vita. Un sistema vivente composto da dieci danzatori che pulsano e si coordinano, si attirano e si respingono, tracciando orbite che seguono i meccanismi della natura. Perché siamo tutti ioni là fuori, carichi elettricamente.
Un universo minimalista, poetico e artistico, un posto in cui abitare. Il volo degli uccelli, il sincronismo delle lucciole, una serie di microfenomeni che compongono il mondo della natura diventano punto di partenza per la ricerca cinetica di Christos Papadopoulos.
In primo piano la serenità minimale, estatica, come quella fessura attraverso cui la luce entra prima che lo splendore dei cieli ci venga rivelato. Papadopoulos si concentra sulla ripetitività dei motivi cinetici, sulla chiarezza dello spazio scenico definita dall’illuminazione e dall’azione, affidandosi agli elementi primari che costituiscono la sua opera: ritmo, movimento, luogo e tempo.