Teatro Municipale Valli
Mercoledì 14 gennaio 2004, ore 21.00

WIENER KAMMERENSEMBLE

Michel Dalberto, pianoforte

Franz Schubert
Impromptu n. 3 in si bemolle D 935 op. 142
Quintetto in la maggiore per pianoforte e archi D 667 "La Trota"
Ottetto in fa maggiore per archi e fiati D 803
 
Il Wiener Kammerensemble è stato fondato nel 1970 dai principali membri dell'Orchestra Filarmonica di Vienna ed ha ottenuto immediato successo in tutto il mondo. Dopo un inizio concentrato sulla musica da camera, il Wiener Kammerensemble si esibisce oggi anche con un repertorio per archi e fiati di maggior respiro, includendo tutti i "Divertimenti" per due corni di W.A. Mozart ma anche brani di compositori moderni.

Il Wiener Kammerensemble si è esibito nei più importanti centri musicali del mondo, tra cui il Musikverein e il Teatro dell'Opera di Vienna, la Carnegie Hall di New York, la Suntory Hall di Tokyo, il Teatro dell'Opera di Sydney e la Philharmonie di Colonia, per citarne alcuni. Inviti presso numerosi festival (tra cui quelli di Vienna e Salisburgo) testimoniano l'estesa attività internazionale dell'ensemble. Dischi, CD, registrazioni radio e TV, così come tournée in Europa e oltreoceano, dimostrano quanto l'ensemble sia inserito nella migliore tradizione della musica da camera viennese. Nel 1997, anno dedicato a Schubert, il Wiener Kammerensemble ha preparato la nuova "Critical Edition" dell'Ottetto di Schubert, con correzioni e miglioramenti sull'originale, versione proposta durante un'esibizione alle "Settimane Musicali" di Salisburgo. L'esecuzione ha avuto luogo in occasione del bicentenario della nascita di Schubert ed è stata registrata dalla compagnia United.

Nel 2001 il Wiener Kammerensemble ha operato un'importante modifica "generazionale": l'inserimento di tre dei migliori giovani musicisti di archi dell'Orchestra Filarmonica di Vienna - Benedict Lea (secondo violino), Tobias Lea (viola) e Tamás Varga (violoncello) - può ora essere considerato l'assetto principale dell'ensemble. Nei prossimi anni anche il repertorio dell'ensemble verrà esteso: opere dei principali compositori del ventesimo secolo (ad esempio Krenek, Hindemith, Francaix, Henze, Wellesz etc) verranno integrate all'attività concertistica e di registrazione dell'ensemble.


E' nel 1975 che il nome di Michel Dalberto ha cominciato a farsi conoscere: il Premio Clara Haskil ha immediatamente messo in luce il pianista francese come uno dei migliori interpreti dei nostri tempi e, tre anni dopo, vinceva il Primo Premio al Concorso Pianistico Internazionale di Leeds.
Michel Dalberto ha collaborato con molte delle principali orchestre sotto la direzione di direttori come Matthias Bamert, Frans Bruggen, Rudolf Barshai, Sylvain Cambreling, Sir Colin Davis, Charles Dutoit, Gunther Herbig, Eliahu Inbal, Marek Janowski, Neeme Järvi, Erich Leinsdorf, Wolfgang Sawallisch, Joseph Swensen e Yuri Temirkanov. Tra gli impegni recenti e del prossimo futuro ricordiamo: l'Orchestra Filarmonica di Oslo diretta da Thomas Dausgaard; la Gulbenkian Orchestra diretta da Gunther Herbig; l'Orchestre National de France diretta da Leonard Slatkin; la Montreal Symphony Orchestra diretta da Franz Paul Decker; la Filarmonica della Radio dei Paesi Bassi diretta da Hans Vonk; l'Ensemble Orchestre de Paris, diretta da Dmitry Sitkovetsky e John Nelson; l'Orchestra Filarmonica della Malesia diretta da Nick McGegan; la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra diretta da Altrichter; la BBC Philharmonic Orchestra diretta da Lawrence Renes e l'Ulster Orchestra diretta da Barshai.
Michel Dalberto è un musicista da camera di grande rilievo, richiesto sia con altri strumentisti che con cantanti. Collaborazioni recenti includono un recital a Verbier con Barbara Hendricks, a Ginevra e Parigi con Stephan Genz, tournée dell'Italia in trio con Dmitry Sitkovetsky e Lynn Harrell, concerti in trio in Francia con Renaud e Gautier Capucon e recital con Boris Belkin. E' stato ospite a festival come quelli di Lucerna, Montreux, Edimburgo, Aldeburgo, Vienna, Aix-en Provence, Grange de Meslay, Roque d'Anthéron, Montréal e Seattle.
La prima incisione di Michel Dalberto da solista delle Sonate di Schubert ha vinto l'Academy Charles Cros Grand Prix e da allora è stata eseguita una vasta gamma di registrazioni, inclusi il Concerto per Pianoforte di Grieg e la Burlesque di Strauss con la Philharmonia diretta da Jean-Bernard Pommier, un'esibizione dal vivo del Concerto per Pianoforte di Schumann al Festival di Vienna, diretto da Eliahu Inbal, Lieder di Fauré con Barbara Hendricks e Lieder di Chausson con Jessye Norman. Michel Dalberto ha inoltre registrato per Denon le opere complete per pianoforte di Schubert, per le quali ha ottenuto un grande successo a livello internazionale. Attualmente incide in esclusiva per BMG e le sue prime registrazioni di opere di Debussy hanno ricevuto il Premio "Choc" dalla rivista Monde de la Musique. In seguito ha registrato i Concerti di Mozart con l'Ensemble Orchestre de Paris e John Nelson.
Michel Dalberto è Direttore Artistico del Festival des Arcs (Savoia) e Presidente di Giuria del Concorso Clara Haskil. E' stato nominato Cavaliere dell'Ordre National du Mérite dal Governo Francese nel 1996.