Teatro Cavallerizza
Venerdì 20, sabato 21 dicembre ore 20.30
FUORI ABBONAMENTO

Ubu al Luna Park

Festina Lente Teatro
Progetto Teatro e Salute Mentale
Liberamente tratto dall’Ubu Re di Alfred Jarry

Progetto Mario Fontanini e Andreina Garella
Regia Andreina Garella
Ambientazione Mario Fontanini
musiche Banda di Quartiere, diretta da Emanuele Reverberi
 
con Stefano Barbieri, Elena Beltrami, Luciano Bertazzoni, Lorena Bianchini, Francesco Campana, Marco Cavalli, Giovanni Coli, Antonio Cirillo, Carmine Cirillo, Marco Di Franco, Gaia Gambarelli, Giampaolo Gualtieri, Caterina Iembo, Giuliano Iembo, Paola Iotti, Patrizia Marcuccio, Stefano Marzi, Laura Nocca, Antonia Prandi, Igli Senka, Massimo Torri, Aurelio Vergai.
 
organizzazione Patrizia Marcuccio
coordinamento Elena Beltrami
ufficio stampa Raffaella Ilari
 
un progetto realizzato in collaborazione con
Regione Emilia-Romagna
AUSL Dipartimento di Salute Mentale di Reggio Emilia, Scandiano
Fondazione I TEATRI di Reggio Emilia
Associazione Sostegno e Zucchero
 

Ubu vuole a tutti i costi diventare re e prendere il potere, per fare questo tutto è possibile. Ubu è grottesco, ingombrante, è vigliacco, vittima, carnefice, buffone, ma soprattutto feroce, ci fornisce una prospettiva sulla realtà, perché se di Ubu c’è né uno solo i suoi imitatori sono tanti e non hanno del suo modello la consistenza fantastica.
Non c’è più differenza fra bene e male, giusto e ingiusto, onesto e disonesto, non c’è differenza tra i personaggi tronfi e ridicoli, folli e tragici sul palcoscenico e quelli della vita reale. Forse siamo tutti diventati un po' Ubu?
Ubu ci costringe a misurarci con una umanità ormai deformata, incapace d’empatia e di condivisione.
Chi ci salverà? Ci salverà la luna, quella luna raggiunta da tanti viaggi poetici istantanei come dardi, senza implicazioni tecnologiche, consumata da analogie, riflessioni, sogni. Ci salverà la scienza delle soluzioni immaginare che ci può fare vedere un universo fatto di eccezioni. Ci salveranno i lunatici, i fragili portatori di mille sensazioni piacevoli, quelli che manifestano ogni volta una dolce illusione, quelli che ci fanno volare nello spazio salvi e liberi di pensare, quelli che ci guardano come magnifico sogno, quelli che parlano alla luna e passeggiano nell'attesa di una poesia. 
Abbiamo ambientato Ubu in un Luna Park, un luogo di divertimento, magico e realista, ma anche luogo di distrazione, sbadataggine, superficialità, noncuranza, trascuratezza, e anche lo spazio diventa specchio del genere umano.
 
In scena persone con fragilità e disagio psichico, un gruppo di straordinaria umanità, che amalgama dolore e piacere, caos e ordine, follia e normalità, in una continua alternanza di emozioni, e che trasforma la fatica del vivere in poesia.

Festina Lente Teatro propone un teatro attento alla società, indicatore di eventi e cambiamenti che modificano il modo di essere, un teatro in cui impegno artistico e impegno civile permettono di non sfuggire dalla responsabilità del presente. La necessità del fare teatro è l’urgenza del dire, per creare relazioni, scambi, incontri, per resistere, difenderci da un mondo che spesso ci spaventa e spesso non riconosciamo. È un teatro “difficile”, che fa drammaturgia con i racconti di donne migranti, con le visioni poetiche dei matti, con le storie di donne indigene, con i disagi, con i razzismi e le discriminazioni. Raccoglie nella grande discarica dei valori ciò che quotidianamente viene dispensato dalle relazioni tra gli uomini, fino ad entrare nell’animo dello spettatore attraverso i difetti di fusione del suo sentire.
 
La Banda di Quartiere è un laboratorio musicale aperto e rivolto a musicisti principianti, 20 elementi coordinati dal maestro Emanuele Reverberi che affrontano un repertorio che tocca varie geografie e tradizioni musicali: dalla tradizione popolare emiliana, ai colori dei Balcani, alle luci della musica ebraica, restituendo il tutto in una personalissima versione.