Storia del Concorso


Il Concorso Internazionale per Quartetto d’Archi "Premio Paolo Borciani" è stato fondato nel 1987 per decisione unanime della Giunta Comunale di Reggio Emilia, con l’intento di onorare Paolo Borciani (1922-1985), fondatore e primo violino del grande Quartetto Italiano.
Il Premio è oggi diventato uno dei concorsi più importanti al mondo. Si svolge ogni tre anni al Teatro Municipale Valli di Reggio Emilia, promosso e organizzato dalla Fondazione I Teatri di Reggio Emilia. 

Sei delle dieci passate edizioni hanno avuto un vincitore: i Quartetti Keller (Ungheria) nel 1990, Artemis (Germania) nel 1997, Kuss (Germania) nel 2002, Pavel Haas (Repubblica Ceca) nel 2005, Bennewitz (Repubblica Ceca) nel 2008 e Kelemen (Ungheria) nel 2014.
La loro carriera ha avuto origine proprio dalla vittoria al Premio Borciani e dalle lunghe tournée in Europa, Stati Uniti e Giappone, offerte al vincitore come parte del Primo Premio.

Il programma musicale del Concorso comprende ogni anno un pezzo contemporaneo per quartetto – appositamente commissionato o tolto dal repertorio maggiore di oggi – di un importante compositore vivente: Marco Stroppa (1994), Luciano Berio (1997), Salvatore Sciarrino (2000), Wolfgang Rihm (2002), Peter Maxwell Davies (2005), Giovanni Sollima (2008), Giya Kancheli (2011), Thomas Adès (2014).

I giurati, scelti appositamente a ogni edizione, sono musicisti, musicologi, critici musicali e organizzatori musicali di fama mondiale.
Ultimo aggiornamento: 29/11/17