Quartetto di Cremona


Cristiano Gualco violino      
Paolo Andreoli violino
Simone Gramaglia viola 
Giovanni Scaglione cello
 

 
Fin dalla propria fondazione nel 2000, il Quartetto di Cremona si è affermato come una delle realtà cameristiche più interessanti a livello internazionale ed è regolarmente invitato ad esibirsi nei principali festival e rassegne musicali in Europa, Sudamerica, Stati Uniti e in Estremo Oriente, riscuotendo unanimi consensi di pubblico e critica.
 
Dopo aver ricevuto il “BBT Fellowship” nel 2005, al Quartetto di Cremona è stato assegnato il “Franco Buitoni Award, 2019” da parte del Borletti Buitoni Trust, per il costante contributo alla promozione e alla diffusione della musica da camera in Italia e in tutto il mondo.
 
In campo discografico, nel 2018 si è conclusa la pubblicazione dell’integrale dei Quartetti di Beethoven per Audite: gli otto i volumi hanno ottenuto prestigiosi premi discografici (tra cui Echo Klassik 2017 e ICMA 2018) ed importanti riconoscimenti dalla critica internazionale, che unanimemente considera il Quartetto di Cremona il vero erede del Quartetto Italiano. Nella primavera 2019 verrà pubblicato un nuovo disco dedicato interamente a Schubert, con la partecipazione di Eckart Runge, fondatore e violoncello del Quartetto Artemis.
 
Nella stagione 2017/18 il Quartetto di Cremona ha debuttato con grande successo ad Amsterdam (Concertgebouw, Muziekgebouw), Amburgo (Laeiszhalle), Edimburgo ed è stato in tournée in Svezia e Danimarca, in USA e Canada, e in Giappone ottenendo unanimi consensi di pubblico.
Tra gli impegni più rilevanti della stagione 2018/19 sono certamente da menzionare concerti a Berlino (Konzerthaus), Amburgo (Elbphilharmonie), Stoccolma, Ginevra, Amsterdam, Valencia, New York, ai Festival di Cartagena de Indias, Hong Kong, Colmar, Schubertiade oltre al consolidato rapporto con le maggiori istituzioni concertistiche italiane.
 
Numerose le collaborazioni con artisti del livello di Lawrence Dutton, Eckart Runge, David Orlovsky, Andrea Lucchesini, Edicson Ruiz, Aaron Pilsan, Quartetto Emerson.
 
 
Dall’autunno 2011 il Quartetto di Cremona è titolare della cattedra del “Corso di Alto Perfezionamento per Quartetto d’Archi” presso l’Accademia Walter Stauffer di Cremona, ed è regolarmente invitato a tenere masterclass in Europa, USA e Sud America.
 
Il Quartetto di Cremona è sostenuto dalla Kulturfonds Peter Eckes (Mainz) che ha affidato loro quattro straordinari strumenti di liuteria italiana:
 
Cristiano Gualco – violino G. Battista Guadagnini “Cremonensis”, Torino 1767
Paolo Andreoli – violino Paolo Antonio Testore, Milano ca. 1758
Simone Gramaglia – viola Gioachino Torazzi, ca. 1680
Giovanni Scaglione – violoncello Dom Nicola Amati, Bologna 1712
 
L’ensemble è testimonial del progetto internazionale “Friends of Stradivari” ed è stato il primo quartetto italiano a suonare per un tempo prolungato il “Paganini Quartet” di Antonio Stradivari, in prestito dalla Nippon Music Foundation (Tokyo). E’ anche testimonial per Thomastik Infeld Strings.
 
Nel novembre 2015 il Quartetto è stato insignito della cittadinanza onoraria della Città di Cremona.
 
 
 
 
 
 
 
Ultimo aggiornamento: 15/04/19