Il Quartetto Italiano




Paolo Borciani
(Reggio Emilia, 21 dicembre 1922 - 5 luglio 1985)
1° Violino
Inizia lo studio del violino a cinque anni con il padre Mario, insegnante nel locale Istituto musicale e lo porta avanti con gli studi classici che si interromperanno alle soglie della laurea in giurisprudenza, quando la vocazione per la musica si imporrà. Vince nel 1940 il Concorso Nazionale di La Spezia, ove incontra per la prima volta Elisa Pegreffi e Franco Rossi, anch'egli vincitore nella sezione violoncellisti. Diplomatosi al Conservatorio di Parma, si perfeziona dapprima con Carpi, secondo violino del Quartetto Poltronieri, poi con Arrigo Serato, il famoso violinista allievo di Joseph Joachim, che lo chiama alla Chigiana nel 1942.
 

Elisa Pegreffi (Genova, 10 giugno 1922 - Milano, 14 gennaio 2016)
2° Violino
Inizia gli studi del violino con il padre Roberto, "spalla" dei secondi violini al Teatro Carlo Felice di Genova, e lì prosegue con Abussi. Diplomatasi al locale Liceo musicale, si perfeziona con Serato all'Accademia Romana di Santa Cecilia e alla Chigiana. A Roma suona nel corso di un saggio di fine anno il Concerto in la maggiore di Mozart con l'orchestra diretta da Carlo Maria Giulini, suo compagno di studi. Nel 1942 vince il Premio dell'Accademia Chigiana e un anno dopo la Rassegna nazionale giovani concertistici.


Piero Farulli (Firenze, 13 gennaio 1920 - Fiesole, 2 settembre 2012)
Viola
Ha studiato con Gioacchino Maglioni, Giulio Pasquali, Serra, diplomandosi in violino e viola nel Conservatorio della sua città, ove aveva stretto rapporti di viva amicizia con Franco Rossi. Dopo due anni (1940 e 1941) alla Chigiana, era partito militare e, dopo la disastrosa campagna di Sicilia, aveva affrontato una faticosa e pericolosa marcia a piedi con la viola a tracolla, risalendo la penisola fino a Bari, ove aveva trovato moglie e un posto in orchestra. Qui gli altri tre membri del quartetto riuscirono infine a trovarlo.


Franco Rossi (Venezia, 31 marzo 1921 - Firenze, 28 novembre 2006)
Violoncello
Inizia gli studi nella città natale e li conclude al Conservatorio di Firenze, ove si diploma con Silva nel 1940. Nello stesso anno vince il Concorso nazionale di La Spezia, dove incontra Paolo ed Elisa. Si perfeziona all'Accademia di Santa Cecilia e alla Chigiana con Bonucci. Frequenta a Siena la classe di Antonio Guarnieri, di cui rimarrà grande ammiratore e che considererà il suo maestro ideale. Nel 1942 vince, come violoncellista, il Premio dell'accademia Chigiana e la Rassegna nazionale giovani concertisti.
Ultimo aggiornamento: 18/01/16