Il fondatore

Guido Alberto Borciani




Guido Alberto Borciani, ideatore e fondatore del Premio Paolo Borciani nel 1987, direttore artistico del concorso fino al 2007, ci ha lasciato il 4 aprile 2008.
Nato a Reggio Emilia il 20 ottobre 1920, Guido Borciani ha avuto una vita molto lunga, dedicata alla sua famiglia e ai suoi due lavori, come diceva lui: il lavoro di ingegnere – è stato uno dei massimi esperti mondiali di turbine – e quello di uomo di cultura, che la cultura, soprattutto la musica, ha saputo rendere viva e tangibile.
Nel 1989 gli fu conferita la Medaglia d'oro di riconoscenza della Provincia di Milano per meriti culturali e professionali, e nel 2007 il Sindaco di Reggio Emilia gli ha reso omaggio consegnandogli il Primo Tricolore, per aver contribuito a far conoscere la città nel mondo.
Pianista di talento, cominciò giovanissimo la carriera concertistica, ma presto decise di occuparsi di musica da dietro le quinte. Così fu segretario del Quartetto Italiano, ideatore e anima del ciclo di lezioni “Scomporre la musica”, membro del consiglio d’amministrazione di Aterballetto, Vice Presidente della Società del Quartetto di Milano.
Ha fatto parte delle giurie al Concorso Internazionale Shostakovich di San Pietroburgo per quartetto d'archi nel 1993 e al Concorso Internazionale Long-Thibaud di Parigi per violino nel 2005.
Nel 2002 ha pubblicato il volume bilingue italiano-inglese Il Quartetto Italiano. Una vita in musica, Reggio Emilia, Aliberti, 2002.
Alla più cara delle sue creature, il concorso per quartetto dedicato al fratello Paolo, l’ingegner Borciani non ha mai smesso di dedicarsi.
Si è spento nella casa di famiglia di Reggio Emilia, in Corso Garibaldi 32, la stessa nella quale, nel 1945, il Quartetto Italiano si riunì per la prima volta.
Ultimo aggiornamento: 12/12/15