Palcoscenico del Teatro Valli
sabato 5 ottobre 2019, ore 18.00

Gaze through the Stars

Ricciarda Belgiojoso - Walter Prati

(tastiere - elettronica)
 
Karlheinz Stockhausen, Tierkreis, per tastiere ed elettronica (1975)
Terry Riley, A Rainbow in curved Air, per tastiere ed elettronica (1969)
 
Il concerto mette a reazione Stockhausen e Riley, autori profondamente diversi ma accomunati da un aspetto: l’esplorazione sonora e visionaria di grandi spazi fisici, metafisici e mentali. Un’esplorazione proiettata in dimensioni planetarie e siderali.

“Le stelle ci parlano e raccontano la nostra personalità: indicano strade che altrimenti non troveremmo, sono una guida, e non solo per le rotte marine. […] Il cosmo è un sistema che sovrasta la politica e le relazioni tra gli uomini, compiendo il suo atto senza interferenze. È mitico, e la mitologia nutre i nostri pensieri. Stockhausen ha a lungo approfondito il confronto tra l’esperienza umana e la mitologia e Tierkreis ne è un caso esemplare. 12 melodie, costruite secondo tecniche precise, lasciano al tempo stesso grande libertà interpretativa. [...] I suoni generati dai campi magnetici dei pianeti – recentemente messi a disposizione dalla Nasa – sono elaborati in 11 interludi inseriti fra i 12 segni dello Zodiaco.
L’approccio minimalista di Riley rappresenta l’idea di infinito secondo tutt’altra predisposizione: come visione del mutamento continuo. I patterns ritmici e melodici di questo “arcobaleno in aria curva” sono alternati e sovrapposti in un puzzle dinamico, non necessariamente in cerca di una fine. L’idea psichedelica di uno spazio curvo nata negli anni Sessanta, rimane oggi oggetto di fascinazione, rivelando sintonie persino con le teorie della fisica del 900.” (W.P.)