ElectronicArtRock
usica
isuals

Fennesz

Lillevan
 
Teatro Cavallerizza

Fennesz / Lillevan

Nuovo progetto

Christian Fennesz chitarra elettrica, laptop
Lillevan visuals

Partendo da una formazione classica – il suo strumento è la chitarra –, proseguendo per una fase punk, Fennesz è pervenuto a sviluppare una personale attitudine alla manipolazione del suono analogico con l’ausilio dell’elettronica digitale via laptop. Reinterpretando il lascito della musica concettuale (futurismo, Cage, Eno), egli ha sviluppato nuovi linguaggi e “oggetti” sonori, come il “glitch” (errore di procedura adottato come materiale) e il “drone” (fascia, bordone), influenzando molti artisti di musica elettronica e non. L'esito è un'affascinante congerie di suoni in trasformazione – dal filiforme acido di un intervento di chitarra al “granulo” di glitch all'interferenza rumoristica – capace di raggiungere gli angoli bui della nostra percezione, per via di misteriose, quasi alchemiche ricette.

La cura maniacale per dettagli e prospettive, accomuna Fennesz al videoartista berlinese Lillevan, già membro fondatore dei Rechenzentrum. Questi, all'emergere dei suoni, farà sgorgare immagini in movimento, concepite come una struttura multistrato, dove è possibile immergersi, così come focalizzarsi su dettagli diversi. Nelle performace live, Lillevan si rifà spesso ai linguaggi cinematografici delle avanguardie, in particolare a Jean-Luc Godard.