Teatro Ariosto

DON CHISCIOTTE

"Don Chisciotte è un enorme trattato sull’imitazione: così come lui imita i cavalieri, io imito i cavalieri della scena". Con questa premessa Franco Branciaroli, dopo l’originale edizione di Finale di partita in cui il protagonista parlava con la voce dell’ispettore Clouseau, si prepara al nuovo spettacolo tratto dal testo di Miguel de Cervantes. Branciaroli sarà infatti impegnato nel doppio ruolo di Don Chisciotte e Sancho Pancia, cui darà, imitandole, le voci di Vittorio Gassman e Carmelo Bene. Il vagabondare verbale, divertente e commovente insieme, dei due mattatori ripercorrerà alcune delle scene più celebri del grande romanzo picaresco del siglo de oro spagnolo. In questo sorprendente dialogo, sospeso in una dimensione di sogno, prenderà vita la vicenda dell’hidalgo morbosamente appassionato di poemi cavallereschi, tanto da farsi trascinare in un mondo fantastico nel quale si convince di essere un cavaliere errante, e del suo scudiero Sancho Pancia, cui l’altro promette il governo di un’isola a patto che faccia da complice alle sue imprese. Imprese tutte dedicate a Dulcinea del Toboso naturalmente, una contadina da lui trasfigurata in gentildonna, perché non v’è cavaliere senza dama. Una visionaria ostinazione spinge Don Chisciotte a scambiare i mulini a vento per giganti dalle braccia rotanti e i greggi di pecore per eserciti nemici, contro cui combatterà uscendone sempre sconfitto. E il suo scudiero, affamato e battuto, con lui. In punto di morte rinnegherà tutto quel mondo, e dietro al gioco narrativo, anche i nostri due mattatori si confronteranno con una realtà, quella del teatro che è stata la loro, completamente mutata, e dalla quale decidono di congedarsi.

«... Il procedimento corrisponde a un nascondermi. L’ho già fatto con Finale di partita di Beckett dove ho adottato i toni del doppiatore italiano dell’ispettore Clouseau alias Peter Sellers. Come se escludessi i miei mezzi vocali. Ancora di più col Don Chisciotte evocante Gassman e Bene (o con Gassman e Bene che evocano il Cavaliere della Mancha e Sancio) in definitiva plasmo le voci degli altri, voci diventate mitiche, nobilmente manieristiche. Non è un caso che loro due siano riproducibili, reinventabili (è molto difficile riprodurre me, che non ho nulla di particolare a livello di gola), e va aggiunto che il nostro è un momento in cui non si può più granché affermare una voce, per il semplice motivo che in realtà non ti stanno più ad ascoltare. Un gruppo di persone decide cosa è giusto e cosa non lo è (e questo andrebbe bene se le opzioni e i culti fossero davvero giusti: purtroppo sono spesso sbagliati), e queste persone sono tutto l’apparato decisionale coalizzato (dal critico ai direttori di teatro). La conseguenza è che la povera arte del teatro continua a pedalare a vuoto, il ricambio è costituito da fallimenti, e non c’è spazio per un contropotere. Allora ho sentito la tentazione di portare in scena i potenti: vedetevela con loro, con Gassman e Bene. Non è proprio esclusivamente un omaggio: è anche, quindi, una specie di resa dei conti. Ossia, l’omaggio è ovvio, perché reputi alti coloro cui ti riferisci per mettere a segno la resa dei conti. Però è come se dicessi anche: bene, questi sono i miti che avete codificato, e io mi ci confronto, e questo produce anche l’idea teoretica di un Chisciotte che si trova nella condizione in cui mi trovo io, che deve parlare con/per voce altrui, che non vive una condizione romantica con slanci ideali ma subisce il destino d’un disgraziato alle prese con un mondo che non lo vuole, che non ha niente a che fare con lui. Il Cavaliere dalla triste figura impersona la deriva, l’ultima spiaggia cui viene costretto oggi il teatro. Rischiamo non più di vedere un’osteria come fosse un castello, ma di vedere un’osteria come fosse il teatro... ».
Franco Branciaroli - da una conversazione con Rodolfo di Giammarco per i volumi del TST, Teatro Stabile di Torino.