Biografia Il pomo d'oro


Dal 2012, Il pomo d'oro si è distinto per le interpretazioni autentiche e dinamiche di opere e pezzi strumentali del periodo barocco e classico e i suoi musicisti sono tra i più noti nell'interpretazione con strumenti d'epoca.
L'orchestra ha lavorato con diversi direttori tra i quali Riccardo Minasi, Maxim Emelyanychev, Stefano Montanari, George Petrou, Enrico Onofri e Francesco Corti.
Il primo violino, Zefira Valova, guida l'orchestra in molti dei suoi progetti e, dal 2016, Maxim Emelyanychev ne è il direttore principale.

Il pomo d'oro è ospite ricorrente dei più prestigiosi festival e sale da concerto in tutta Europa. Il suo programma In War and Peace - Harmony through music, registrato con il mezzosoprano americano Joyce Di Donato e diretto da Maxim Emelyanychev, ha girato 3 continenti in diversi tour (America, Europa e Asia) ed è stato vincitore dell'Echo Klassik 2017.

La discografia de Il pomo d'oro include diverse registrazioni di opere integrali: Serse, Tamerlano, Partenope e Ottone di Haendel e Catone in Ustica di Vinci. Inoltre. l'orchestra ha registrato diversi recitals con i controtenori Jakub Jozef Orlinski, Franco Fagioli, Max Emanuel Cencic e Xavier Sabata, i mezzosoprani Ann Hallenberg e Joyce Di Donato, e i soprani Francesca Aspromonte e Emoke Barath. L'Orchestra ha inciso alcuni album strumentali tra i quali i concerti per violino e clavicembalo di Haydn e un programma di concerti per violoncello con Edgar Moreau, vincitore dell'Echo Klassik nel 2016. L'Orchestra ha inciso l'integrale dei concerti per violino e clavicembalo di J.S. Bach con Shunske Sato (violino) e Francesco Corti (clavicembalo) come solisti.

Nelle recenti stagioni, sono state pubblicate alcune nuove registrazioni: Handel's Arias con Franco Fagioli, Prologue con Francesca Aspromonte, Serse di Haendel con Franco Fagioli nel ruolo del titolo, Anima Sacra con Jakub Jozef Orlinski, J.S. Bach Concerti per violino e orchestra con Shunske Sato e La Doriclea  di Alessando Stradella. Per il 400simo della compositrice Barbara Strozzi, l'orchestra ha registrato l'album Voglio Cantar con il soprano Emoke Barath - pubblicato a Gennaio 2019.

Il pomo d'oro è ambasciatore ufficiale dell'associazione El Sistema Greece, un Progetto umanitario che offre un'educazione musicale ai bambini nei campi profughi in Grecia, dove Il pomo d'oro partecipa regolarmente a concerti, workshop e lezioni di musica.

Il nome Il pomo d'oro prende ispirazione dall'omonima opera di Antonio Cesti. Composta nel 1666 per il matrimonio dell'imperatore Leopoldo I e Margherita Teresa di Spagna, Il pomo d'oro è probabilmente la più lunga, costosa e spettacolare opera mai messa in piedi, nonostante la breve storia del genere. Il titolo conta 24 scenografie diverse, un balletto ippico con 300 cavalli, uno spettacolo pirotecnico di 73.000 fuochi d'artificio e numerosi "effetti speciali"; tutto con l'obiettivo di rendere la corte imperiale il centro culturale dell'Europa del tempo.
 
 
Ultimo aggiornamento: 06/06/19