Teatro Municipale Valli
Venerdì 14, sabato 15 dicembre 2018, ore 20.30
domenica 16 dicembre 2018, ore 15.30
Sabato 15 dicembre, ore 15.30 (fuori abbonamento)

A Christmas carol

Musiche originali Alan Menkel
con Roberto Ciufoli
regia e coreografia Fabrizio Angelini   
Compagnia dell’Alba in co-produzione con il  TSA – Teatro Stabile d’Abruzzo
con la collaborazione della scuola d’arte New Step di Americo Di Francesco e Paola Lancioni.
 
A Christmas Carol, adattamento del celebre romanzo di Charles Dickens è la storia, fantastica di Ebenezer Scrooge, un ricco e avaro uomo d’affari, che sarà interpretato da Roberto Ciufoli, attore, comico e regista teatrale italiano che ha sposato con entusiasmo la nuova idea della Compagnia dell'Alba.
A Christmas Carol ha le musiche originali di Menken, che vanta ben 19 nomination agli Oscar e 8 vittorie con lavori quali La bella e La Bestia, La Sirenetta, Aladdin, Sister Act, ecc., e che è al terzo posto nella classifica di coloro i quali hanno vinto più Oscar di tutti i tempi. Il progetto prevede la traduzione e l’adattamento italiano di Gianfranco Vergoni. La direzione musicale sarà curata da Gabriele de Guglielmo. La scenografia sarà opera di Gabriele Moreschi.
È la vigilia di Natale nella Londra del 1843 ed il vecchio Ebenezer Scrooge, avaro, egoista e scorbutico, rifiuta scortesemente l'invito a cena dell'allegro nipote Fred e del suo fedele impiegato mal retribuito Bob Cratchit. Dopo aver cacciato in malo modo due uomini che gli chiedono un contributo per i bisognosi, Scrooge, uscito dall’ufficio, si reca solitario alla sua dimora. Durante la cena prima di andare a letto, riceve la visita dello spirito di Jacob Marley, suo vecchio socio, morto sette anni prima proprio la notte della vigilia di Natale. Lo spirito di Marley appare a Scrooge avvolto da pesanti catene alle cui estremità pendono dei forzieri: catene che, come dice Marley stesso, sono conseguenza dell'avidità e dell'egoismo perpetrati mentre era in vita derubando le vedove e truffando i poveri. Scrooge, spaventato, chiede al vecchio socio come poter evitare che gli accada la stessa sorte e Marley gli rivela di essere ancora in tempo per mutare il suo destino. Prima di congedarsi, gli annuncia la prossima visita di tre spiriti, quello del Natale passato, quello del Natale presente e quello del Natale futuro. I tre spettri, tra flashback e premonizioni riusciranno a mutare l'indole meschina ed egoista di Scrooge, facendolo risvegliare la mattina di Natale con la consapevolezza che la ricerca del denaro e l'attaccamento alle sole cose materiali sono sbagliati: finalmente la carità e la fratellanza si faranno largo nel cuore del vecchio usuraio.